Skip directly to content

Babyplay esperienza di una mamma - Inglese per bambini

 

…Eccoci qui a raccontare la nostra esperienza con gli incontri di Baby Play di Angie!

Mi chiamo Simona e sono la mamma di Andrea un bimbo molto vispo di quasi 19 mesi. Abbiamo iniziato a marzo dell’anno scorso a partecipare al Baby Play di Angie. 

Andrea aveva 5 mesi…ed allora non abbiamo più smesso!

I primi incontri, di giovedì mattina, erano di coccole, massaggi e canzoncine in inglese. E così Andrea ha iniziato ad ascoltare i suoni di una nuova lingua già dai primi mesi.

A maggio 2013 Andrea ha iniziato ad andare all’asilo nido e anch’io ho ripreso il lavoro e quindi abbiamo continuato a partecipare agli incontri il giovedì o il martedì pomeriggio.

Con il passare dei mesi mi sono resa conto del valore di questa esperienza per il mio bimbo. Ho iniziato a parlargli in inglese anche a casa, ovviamente non sempre, ma con il passare dei giorni è diventata un’abitudine giornaliera. 

All’inizio il momento preferito era quello del “cambio pannolino”, dove avevamo una maggiore “intimità”.

Quando è diventato più grandino abbiamo iniziato anche a guardare insieme su You Tube i video del canale di Angie “The Mamma Italia”…a proposito, provate a dare un’occhiata, è molto interessante e ci sono davvero tante canzoncine da cantare con i vostri bimbi!

 Ora ha appunto quasi 19 mesi e mi stupisco ogni giorno di quello che ha imparato finora e di quello che impara ogni volta che partecipa agli incontri che ora sono diventati momenti di movimento, gioco e esplorazione sempre in lingua.

Conosce il significato di varie parole: up, down, kiss…… e conosce già varie filastrocche che cantiamo spesso anche a casa, di cui ripete i gesti. A casa poi ascoltiamo spesso un CD di canzoncine in inglese..e le balliamo insieme!

Durante gli incontri ho potuto capire l’importanza di avvicinare il proprio bimbo a una lingua straniera già dai primi mesi. Mi sono inoltre resa conto di una aspetto importantissimo: una seconda lingua non crea assolutamente confusione nel bambino. Era questa la mia più grossa paura. Non è così, Andrea capisce che la stessa cosa si può dire in due lingue diverse, in italiano e in inglese. Se, ad esempio, gli dico “bacio” o “kiss” lui in entrambi i casi fa il gesto del bacio. E questo è una grande ricchezza.

 

Ecco Andrea oggi.

 

Per il futuro contiamo di continuare a vivere questa preziosa esperienza con Angelique che è un'insegnante davvero fantastica!

Non è mai troppo presto per familiarizzare con una seconda lingua!! Provare per credere!

 

Andrea e Simona

 

 

 

Addthis